8 nov 2017

Freeway Magazine feat Sportster Meeting '17







E' con estremo orgoglio, che vi mostro l'articolo relativo allo Sportster Meeting 2017, pubblicato sul numero corrente della mitica rivista francese FREEWAY MAGAZINE. Per il vostro blogger una sorpresa gradita e inaspettata: quando la settimana scorsa ho ricevuto, nel giro di poche ore, tre richieste di informazioni da altrettanti lettori francesi (circa la prossima data del meeting, circa l'acquisto delle t-shirt, circa le attività di Duecilindri blog) mi è sorto un leggerissimo dubbio: perchè questo interesse improvviso dei nostri cugini d'oltrealpe? La risposta non tarda ad arrivare, grazie a Olivier, che mi informa di aver letto un articolo sul magazine. Molto gentilmente si offre di inviarmi una copia di FreeWay, arrivata a mie mani proprio ieri: quattro pagine di passione sporty.


In sintesi, sono molto soddisfatto!!!!



22 commenti:

  1. Fantastico !!... Quando la vera passione smuove le anime di tanti appassionati si arriva a risultati a volte inaspettati, complimenti al blogger e al suo "movimento" !!.... DueCilindri International 👏👏👏
    Roberto

    RispondiElimina
  2. Non posso che essere contento per tutto noi sportster addicted: Freeway magazine francese è una vera istituzione nel campo custom!
    Ottimo lavoro a tutta la squadra di questo fantastico blog!
    tc

    RispondiElimina
  3. Il fatto che la stampa di settore francese si è interessata a Sportster meeting lascia ben sperare per il futuro di questo evento è stimolerà gli organizzatori a farlo crescere ancora.

    RispondiElimina
  4. A vedere il logo freeway mi vengono i lacrimoni... Peccato in Italia sia sostanzialmente morto...
    Sportster meeting 2018 ci sarò!

    RispondiElimina
  5. Grande Freeway Magazine!!!
    Sono contento soprattutto per Paolo e tutta la crew che fra organizzazione, sbattimenti e conti (in soldoni) che alla fine non tornano proprio come era stato previsto... dai è un'altra bella soddisfazione la pubblicazione del meeting su una rivista come Freeway!
    Un punto in più per rifarlo anche l'anno prossimo! GOING THE DISTANCE!!
    Giorgio

    RispondiElimina
  6. GRANDE PAOLO , MEETICO !

    RispondiElimina
  7. Un traguardo importante senza dubbio.
    Nella didascalia della foto di gruppo scrivono che la maglietta 1957-2017 diventerà un pezzo per collezionisti: io ne ho due!!!!
    Bravi tutti ma su tutti bravo Paolo!
    Mario883

    RispondiElimina
  8. Complimenti Paolo per questo grandissimo successo!concordo con gli altri sul fatto che certe soddisfazioni non possono che essere da stimolo per continuare sulla stessa strada!ancora complimenti!

    RispondiElimina
  9. Fantastico
    Certo che rivedere la scritta freeway mi fa diventare nostalgico, ormai in Italia freeway è solo un ricordo, ma devo dire che Low Ride lo sostituisce bene!!!
    Detto questo vedere la crew su freeway è davvero bello!!!
    Michael

    RispondiElimina
  10. Grande Paolo!! Ma soprattutto grazie a tutta la Cew di Duecilindri per l'impegno profuso!
    Andrea

    RispondiElimina
  11. Bellissimo! Bravo Paolo una bella soddisfazione e direi anche bell'articolo.
    Gian Marco

    RispondiElimina
  12. Gran bel traguardo! si dovrà pensare ad una internazionalizzazione del meeting 2018...

    Alfred

    RispondiElimina
  13. Complimenti blogger... Questo si che è un bel traguardo... Già nel 17 si erano presentati un paio di svizzeri... Pian piano sta diventando un evento europeo più che italiano... Bravo ragazzo... Non mollare che sei sulla strada giusta

    RispondiElimina
  14. Te lo meriti..ve lo meritate !!!
    In attesa del 2018....

    RispondiElimina
  15. Bella soffisfazione ragazzi,poi ci sono anche io col mio bel lato b.Gasssss.....

    RispondiElimina
  16. Grande Paolo, il giusto e meritatissimo riconoscimento per un Meeting unico!!!!!

    RispondiElimina
  17. ALLA CONQUISTA DELL'EUROPA!!!!
    Ma prima speriamo che tutti gli sporty del nostro paese muovano le ruote versi taceno, cazzo!!!
    Max1200S

    RispondiElimina
  18. Gran bella soddisfazione, complimenti a Paolo e alla Crew. Non è facile organizzare eventi che hanno risonanza internazionale.

    RispondiElimina

SHARE THIS