03 aprile 2018

XR750 Randy Goss at Taddy's Harley Davidson








Mi giunge voce che da qualche giorno Taddy's Harley Davidson espone, all'interno dei suoi locali, un bellissimo esemplare XR750, con una storia di corse e di vittorie sulle gomme. Di provenienza americana, in versione gara, arriva in Via Savona per quelli che si definiscono gli strani casi della vita. Non ci troviamo di fronte però ad un XR750 qualsiasi (se così si può definire un XR750): questa è infatti proprio la moto con cui il mitico Randy Goss ha gareggiato per alcuni anni, nel campionato AMA. L'assenza del freno anteriore e il doppio pedale a destra parlano chiaro, come non lascia spazio a dubbi il nome del  pilota inciso sulle teste motore: un vezzo abituale a quei tempi tra i corridori. Il dealer mi invita a montare in sella: non me lo faccio dire due volte e seguono alcuni istanti di silenzioso piacere. Osservate la mia espressione da ebete.


Una moto apparentemente essenziale che trasuda carattere e personalità da ogni sua parte: dal doppio carburatore con i relativi filtri aria, al doppio scarico alto con uscita a sinistra, passando per il tipico serbatoioil codino slim e i cerchi a raggi da 19. Osservate invece il curioso cappuccio che riveste una delle candele. Proprio Francesco Magnoni mi spiega che questa cover serviva ai giudici di gara per essere certi che tutte le moto gareggiassero ad armi pari: nella classe minore era obbligatorio l'uso di una sola candela e il tappino rosso, visibile anche da lontano, ne era la conferma. Non capita tutti i giorni di imbattersi in un modello del genere; nelle prossime settimane la moto entrerà in officina per godere delle amorevoli cure del team tecnico della concessionaria milanese. Un icona di stile come questa se le merita tutte.

Con buone probabilità avremo questo gioiello allo Sportster meeting 2018: nel caso il posto d'onore sarà tutto suo.


19 commenti:

  1. Ma che spettacolo...chissà come spinge!è racing in ogni singolo particolare...che fascino!bellissime le fusioni lasciate "grezze" e naturali di cilindri e teste e nessun vezzo estetico ma solo l essenziale per renderla efficace in pista!complimenti Paolo ti sei seduto su un bel pezzo di storia...com è la posizione di guida?mi sembra molto raccolta e protesa sull avantreno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Skull, sensazione di una moto leggera e protesa in avanti ma in maniera quasi naturale. Purtroppo non è stato possibile accenderla (prima si deve fare un bel controllo generale).

      Elimina
  2. La più bella del reame è proprio lei.
    Moto spettacolare.
    tc

    RispondiElimina
  3. Ma non hai lanciato una opa seduta stante per aggiudicartela??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la moto in questione non è in vendita, non è utilizzabile in strada e la cifra nel caso presumo sarebbe "importante".

      Elimina
  4. SI PUO' SOLO DIRE . . . SPETTACCOLO
    SPERIAMO DI VEDERLA AL MEETING.

    RispondiElimina
  5. Che mezzo!!! speriamo di vederlo al meeting in tutto il suo splendore!
    Gian Marco

    RispondiElimina
  6. Questa la metterei sui bancali al Meeting in zona VIS proprio con TANTO, ma TAANTOO piacere......
    Le accarezzerei le manopole e la sospingerei delicatamente dal divin codino!!! Questo motore è senza dubbio il più bello della storia motociclistica (insieme a quello della XR 1000).

    RispondiElimina
  7. foto 1 - fare gigantografia e appenderla sopra la testa del letto
    foto 5 - cè poco da scherzare "santo Graal" in contemplazione.
    bellissima,ti invidio.
    Paolo57

    RispondiElimina
  8. È veramente Racing , chissà da accesa che suono incredibile !!... gli scarichi sembrano un "attimino" aperti... spero vivamente di vederla al meeting...
    Roberto

    RispondiElimina
  9. È sempre emozionante per gli appassionati incontrare una moto che ha una storia importante, al meeting non deve mancare.

    RispondiElimina
  10. Dopo qualche giorno all'estero senza avere il tempo di collegarmi, torno sul blog e vedo questa inestimabile meraviglia... Non vedo l'ora di genuflettermi anch'io al suo cospetto!

    RispondiElimina
  11. A vederla così mi sembrava un po’ pasticciata, poi leggendo lo scritto ritiro tutto; è una moto da gara è giusto che sia così, fa parte del suo fascino!!! È incredibile quanto una storia possa alzare il valore di una moto, è proprio vero che le moto hanno un anima altrimenti sarebbero solo dei pezzi di ferro!!! Comunque l’ironhead dell’XR750 a mio avviso è il motore più bello del mondo... le aste ste che passino attraverso le alettature... stupende!!!
    Michael

    RispondiElimina
  12. Grandissimo pezzo!!!!!
    Andrea

    RispondiElimina
  13. Favolosa !!!!
    Andrea VT

    RispondiElimina
  14. l'xr750 senza tutti i fronzoli del caso ha un fascino allucinante, spero di vederla al meeting.
    non ho comunque capito la storia della capocchia rossa su una candela; probabilmente per ignoranza mia. è un 4 candele e questo è un modo per garantire che venga usata una sola candela per cilindro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai capito perfettamente. Il cappuccio rosso fa in modo che anche da lontano si capisca che la candela non è collegata.

      Elimina