20 ott 2017

Lettera ad Angelo Neri





Cavalcando l'onda emotiva per la prematura e inaspettata dipartita di Angelo Neri (colto da un malore ormai quasi sette giorni fa) scrivo di getto qualche riga a lui indirizzata.

Per quasi vent'anni sei stato l'anima, la faccia e il cuore della concessionaria pavese: con il tuo team hai fatto in modo che il dealer di Via Bramante si distinguesse dagli altri sul campo e non solo per la fama del tuo amico storico e socio. I tuoi progetti su due ruote sono state fonte d'ispirazione per tutti noi, taluni capaci anche di influenzare le scelte della casa madre. E non dimentico che certe soluzioni estetiche e tecniche, da te adottate, sono state spunto per prodotti di successo di note aziende del settore; tutto questo è un dato di fatto Angelo!
Eri uno avanti, eri capace di osare e prenderti dei rischi: alle tue moto, il carattere non faceva mai difetto. Oltre cento commenti per la Saltafossi su questo blog; non era mai successo che una preparazione facesse così tanto discutere. Non sei mai stato per le mezze misure, non le mandavi a dire, non avevi timore di esporti: grandi pregi e non difetti. Di certo in questi mesi non avevi perso la magia, l'estro e quel viscerale amore per le moto; per te erano necessarie come l'aria. Hai sempre continuato a disegnare, immaginare, ideare moto speciali per futuri clienti speciali. Capitava di incontrarti nel negozio di moto di famiglia, Mototecnica Neri, insieme al tuo amato fratello, con il quale stavi costruendo un progetto tutto nuovo e tutto vostro! Dal tuo archivio personale, in questi giorni, sono emersi centinaia di bozzetti, tantissimi disegni, innumerevoli rendering. Un sacco di materiale per tante splendide moto che spero un giorno possano in qualche modo prendere forma.


La tua stima nei miei confronti era per me motivo di grande orgoglio: un forte abbraccio, ci mancherai!

7 commenti:

  1. Non lo ho conosciuto. Ma dai commenti di chi lo ha frequentato capisco che è stata una di quelle personalità di cui il nostro mondo (del custom HD) ha bisogno: non solo dealer che vende e assembla pezzi, ma artista con estro e originalità. RIP
    Giorgio

    RispondiElimina
  2. Gran belle parole. Mi avrebbe fatto piacere conoscerlo.
    RideInPeace.

    RispondiElimina
  3. Forse tra i dealer era l'erede morale di Talamo. Che poi fosse simpatico o meno poco importa. Dispiace che una volta andato via da HD pavia non si sia messo subito in proprio a fare moto, sono certo avrebbe spaccato.
    Ciao Angelo.
    Tc

    RispondiElimina
  4. Semplicemente un figo; quanti consigli mi ha dato. Sempre disponibile e appassionato di queste moto.
    belle parole blogger.
    mancherai anche a me angelo.
    Riccardo

    RispondiElimina
  5. Non ho mai conosciuto Angelo di persona, anche se conoscevo i suoi lavori; curiosamente, la prima e unica volta che lo vidi di persona fu mentre arrivava su una ruota sola, come nella prima foto di questo post...
    davvero una grande perdita, innanzitutto umana ma anche per tutto il settore :-(

    RispondiElimina
  6. Bravo blogger, belle parole!!!
    Michael

    RispondiElimina

SHARE THIS