29 set 2017

Autunno Biker Party



Domani pomeriggio intorno alle 16.00, presso H-D Monza, alcuni di noi si ritroveranno per poi da li raggiungere l'evento organizzato da Low Ride. Se hai una sporty sei invitato anche tu . . .



Stay tuned .  .  .








La sporty boattail di Vito







Ci sono accessori che per la loro rarità, particolarità e bellezza sortiscono sul sottoscritto un effetto unico: il boattail è uno di questi. Non è usuale imbattersi in modified montanti questo codone: la sporty di Vito, nella sua storica versione total green, era un mezzo dal grande appeal. Una moto stupenda, con una decal epica e un colore che non passava di certo inosservato. Nel tempo Vito decide di cambiare veste alla sua xl e ora la presenta ai lettori del blog nella sua nuova versione. Piccolo retroscena: durante le fasi della lavorazione, quando ancora non era certo se il boattail avrebbe trovato o meno spazio, proprio il vostro blogger  scrisse al proprietario circa un possibile acquisto.

Come vedete dalle foto, l'owner non ha rinunciato (giustamente) a montare un accessorio che di per se può rendere specialissima una preparazione. Vito dimostra ancora una volta gusto da vendere, nonostante sia passato dal classic style al tracker retrò: ancora una volta ci troviamo di fronte ad una motona!!!! Bello il continui richiami al bianco della sella delle manopole e del tank mentre risulta tipicamente seventies il parafango anteriore a stecche con l'effetto scacchiera. Gomme old style, scarico megaphone Supertrapp, manubrio flat: una sporty che avrei visto bene girare nella Bay Area qualche decennio fa'. Il nostro Vito e la sua personal bike avrebbero attirato sguardi a go go!!!!!!




Stay tuned on this blog!





28 set 2017

La sportster modified di Andrea by AQG Motorcycles






Aldo Querio Gianetto, in breve AQG Motorcycles è forse uno dei più noti preparatori italiano all'estero: per l'anniversario del colosso S&S fu l'unico rappresentante del nostro paese a cui fu chiesto di realizzare una special commemorativa. Vive e opera in un piccolo paese del piemonte, in cui ricopre anche la carica di sindaco e viene da una famiglia nata e cresciuta in mezzo ai motori. Proprio ad Aldo si rivolge Andrea per realizzare la sua visione sportster; il proprietario di questo gioiellino bianco sognava una scrambler che non fosse la solita preparazione uguale ad altre mille.

AQC soddisfa in pieno le aspettative del nostro amico, dosando pezzi hand made e accessori selezionati sfogliando i big book aftermarket: il tutto è miscelato secondo il buon gusto del customizer e seguendo le linee guida del committente. La vedete ritratta nelle immagini; una sporty volutamente essenziale, minimale ma al tempo stesso elegantissima e curata in ogni minimo dettaglio. Prima di concentrarsi sugli aspetti estetici la suddetta è stata sottoposta ad un profondo refreshment: è evidente il lavoro certosino anche solo osservando l'ultima foto. Nemo profeta in patria recita il detto . . . Andrea il suo profeta però lo ha trovato proprio a qualche centinaia di chilometri di distanza. 

Un nuovo e ancor più importante progetto obbliga Andrea a mettere in vendita la sua amata sporty; chi vuol essere il fortunato?

Un supermezzo . . .





27 set 2017

Presentazione H-D 1200 Carburatore " El chopperino"





Lui è Francesco Magnoni, storico dealer milanese; con i fratelli Carlo e Lorenzo da quasi vent'anni professa il culto harley davidson sotto il nome di Taddy's Milano. In questi giorni potete ammirare nei bellissimi locali di Via Savona questo riuscito chopperino!

Di seguito alcuni link di post a tema Taddy's apparsi su queste frequenze:





Stay tuned . . .






A caccia di sporty







Nella centralissima Piazza San Babila, il mio sguardo non poteva non cadere su questa particolarissima sporty, griffata Deus. Visto che trovo difficile esprimere un giudizio oggettivo su questa preparazione, mi limiterò a dire che non rientra in maniera assoluta nei miei gusti.


Stay tuned  .   .   .


26 set 2017

DGR 2017 more on




























Harley Davidson, Ducati, Vespa, Bmw, Honda, Triumph, Gilera . . . .nuove e vecchie, artigianali o in serie, originali o modified: ogni tipologia di moto, al DGR 2017, era ben rappresentata. Nonostante qualcuno non veda di buon occhio questo evento, etichettandolo a priori come modaiolo e fighetto, posso assicurarvi che domenica di motociclisti veri ne ho incontrati parecchi. Che poi il dreescode richiesto stimoli ilarità e simpatia è un altro affare, che nulla ha a che vedere con la passione per la moto. Personalmente mi sono presentato in abiti civili e ho colto l'occasione per incontrare e salutare tante facce amiche.
Per inciso, l'evento nasce a scopo benefico: le migliaia di euro donate per la ricerca al cancro sono la risposta secca alle critiche dei soliti puntadito che si fermano al carattere bizzarro del vestiario richiesto.


See you next year!!!




25 set 2017

More on DGR 2017






Una bella sporty con qualche anno sulle spalle: la proprietaria, una ragazza, dimostra di saperne in fatto di moto con stile. Davvero nulla da eccepire, se non i soffietti oversize: filtro, scarico e colorazione invece sono di primo livello.



More photos coming soon . . .






DGR 2017 feat Best Of








Il Distinguished Gentleman'Ride è un evento particolare, organizzato per la prima volta in Australia, a cui possono partecipare solo moto speciali e guidate da motociclisti distinti ed eleganti: d'obbligo bombette, cravatte, tweed e doppi petti. Baffi e barbe ben curate sono il giusto corollario. Non a caso il motto del raduno riprende scherzosamente il celebre “Live Fast - Ride Slow” cambiato in "Live Tweed & Ride Drapped". Si tratta di un raduno "mondiale" che si svolge in contemporanea in numerose città del mondo, quest'anno ben 500, con l'obiettivo di superare il numero di partecipanti complessivo dello scorso anno, ben 56.000 e sembra proprio che il record verrà non solo battuto ma addirittura demolito: saranno in circa 70.000 i motociclisti partecipanti. Lo scopo del raduno è nobilissimo: raccogliere fondi per la ricerca sul cancro alla prostata, inoltre parte del ricavato verrà anche devoluto in favore della prevenzione dei suicidi maschili. L'obiettivo degli organizzatori è alto: 5.000.000 di dollari. 


Nelle immagini la moto che più di tutte mi ha esaltato: il fantastico K di Simone di Rat Bike Service. Proprio questa moto (la madre ideale delle nostre sporty) sarebbe dovuta essere presente al nostro meeting, ma problemi dell'ultimo minuto le hanno impedito di essere ammirata su uno dei bancali. Tornando al DGR: tantissime moto di marchi diversi, di epoche e stili diversi e sopratutto tantissimi amici da incontrare, salutare, rivedere.


More photos coming soon . . . 








22 set 2017

A caccia di Sporty feat In corsa!





Anche quando sono in sella, non perdo l'occasione di scattare qualche foto, di fare inseguimenti o immortalare le nostre sporty; questa modified color verde acceso, scovata in circonvallazione interna a Milano, è molto bella nella sua semplicità!!!




Stay tuned . . .